Skip to content

Le strade di Torino


7 buoni propositi per settembre

7 buoni propositi per settembre

Settembre è un mese catartico, di quelli che dopo aver spento il cervello ad agosto – complici il sole, il mare e qualche mojito di troppo – iniziano puntualmente con un “da oggi mi rimetto in riga”. Diciamocelo, questi buoni propositi non sempre vengono rispettati, ma non sono neanche semplici: mettersi a dieta, iniziare a correre, smettere di fumare? Perché non cominciare da cose più semplici, che non ci privino di qualcosa ma che siano dei regali che facciamo a noi stessi? Qui vi diamo qualche consiglio: per le diete detox c’è sempre tempo dopo Natale…

Arianna


1 | Darci un taglio

E’ un cliché, lo so, ma alzi la mano chi ha dei capelli immuni all’attività corrosiva di sole, sale e mare. Vittime delle doppie punte, siate forti: è arrivato il momento di affrontare la nostra paura più grande e sperare che questa volta Edward Mani di Forbice azzecchi la lunghezza della tanto richiesta “spuntatina” ed entrare in questo settembre con dei capelli ad effetto swooosh. Per avere la certezza di essere in buone mani, affidatevi al nostro Paolo di Tagli e Dettagli, saprà ridare ai vostri capelli una dignità ritrovata, come ha fatto più volte con molti di noi. Nel suo nuovo salone fresco di ristrutturazione (che inaugurerà la prossima settimana) troverete chi saprà consigliarvi e coccolarvi a suon di trattamenti ristrutturanti e massaggini alla testa.

Se invece vi trovaste a girare per il centro e voleste tamponare i tempi lunghi dell’attesa dal parrucchiere con un po’ di shopping 16Luisaefranchino è il posto che fa per voi: metà salone di bellezza e metà negozio di design, è il paradiso di ogni donna. Impossibile rimanere con la testa ferma sul lavabo se di fianco a te c’è uno scaffale di cactus di ceramica scontati.

2 | Imparare una lingua

Non importa quanti cats si trovino sul table: l’inglese non riesce ad entrarti proprio in testa. E così neanche le altre lingue. Mentre io vado a trovare un angolino per vergognarmi di questa battuta tristissima, per te non è questo forse il momento di buttarsi e di iscriversi finalmente a un corso di lingua? La città è cosparsa di scuole di inglese, non ti servirò io per trovarne una. Ma se invece vuoi varcare confini meno scontati, sono tantissime le strade da percorrere: partendo dai corsi di francese dell’Alliance Française o da quelli di Spagnolo del Centro Cultural Español de Turín fino ad arrivare a quelli più esotici che puoi trovare all’Università Popolare: russo, giapponese, portoghese, cinese, non vi fermerà più nessuno.

3 | Regalarsi un corso

Le lingue non sono il tuo interesse primario ma il design e la comunicazione sì? Bene, ci sono tantissimi professionisti a Torino pronti a condividere tutte le loro conoscenze su software, tecniche di progettazione, utilizzo dei social e molto altro. Basta fare un salto sul sito di Zandegù e sbirciare il calendario dei prossimi corsi, oppure tenere d’occhio la proposta di Pangramma, collettivo di persone talentuose e dalle mille risorse. Se invece vi piace sporcarvi le mani il Print Club è il posto che fa per voi: forse riuscirete finalmente ad iscrivervi a quel corso di risograph o serigrafia che da tanto sognate o perché no, scoprirete di essere grandi fan della legatura copta.

4 | Iscriversi a yoga

Hai rimandato per un sacco di tempo, ma adesso è arrivato il momento di prendere coraggio provare anche tu i benefici dello yoga. Ricorda sempre che lo yoga non va vissuta come una competizione con gli altri né soprattutto con sé stessi: partire da un livello base ti aiuterà a costruire una consapevolezza del tuo corpo e della tua mente che ti porterà lontano, in modo esponenziale. Per chi non sa da dove cominciare consigliamo YogaUnion: una grandissima oasi di benessere presso la quale potrete scegliere tra quasi 12 tipi diversi di yoga, per tutti i livelli, le necessità e soprattutto le disponibilità di orario – per poi regalarsi un pomeriggio nella spa a fine lezione. Per chi preferisce invece un ambiente più raccolto e intimo dovete provare da Yoga Room 108 o le lezioni di Semi di Yug: fare yoga su un prato usciti dal lavoro, rilassa e rimette tutto in prospettiva. Se poi le lezioni in sanscrito non fanno per voi, provate con del pilates: da Studio Corpore scoprirete che lavorare sulla postura ha dei benefici assurdi e non è poi così palloso, anzi: vi lascerà degli addominali da urlo!

5 | Comprare un’agenda o un diario

Se prenderete alla lettera ognuno di questi punti, settembre significherà solo una cosa: impegni. E impegni significa to-do list e post-it ovunque, reminder sul telefono che ogni volta finiscono nel dimenticatoio. Ovviate al problema comprando un’agenda, un block notes, un diario, qualsiasi cosa: ma diffidate delle solite pacchianate da cartoleria, cercatene una con un po’ di carattere come quelle che si trovano da NB: Notabene.

6 | Prepararsi all’autunno

E’ ora di dire addio a quel cappotto sfilacciato che vi trascinate in giro da anni e di comprarne uno nuovo, come il camel coat indossato da Maria Chiara lo scorso inverno, un must have intramontabile. Fate una scorta dei Supertea (Chamomile Thyme è il nostro preferito) e di bom bom di liquirizia salata da condividere con le amiche mentre date sfogo alle vostre confidenze più segrete: Nordic Things è perfetto per questo scopo, con la sua infinita scelta di articoli così Hygge da farvi ritrovare tutto il piacere di starsene a casa con le candele accese e la copertina di flanella.

7 | Dedicarsi alla cucina

Cucinare una torta in casa, come spesso fanno i nostri Mike e Valentina, è un ottimo antidoto per combattere la noia di un pomeriggio uggioso. E poi siamo sicuri che impastare la frolla faccia smaltire tante calorie quante ne faccia assumere mangiandola. Provate ad esempio la ricetta della torta rustica con pere e rosmarino di Mike: l’accoppiata frutta – erbe aromatiche è il must della stagione autunnale e il profumo di rosmarino invaderà la vostra cucina facendovi sentire in una casa di montagna.


All images © 2018 Le strade di Torino