Skip to content

Le strade di Torino


Ferragosto in città – cosa fare a Torino nel weekend più caldo dell’anno

Ferragosto in città – cosa fare a Torino nel weekend più caldo dell’anno

Torino e ferragosto. Ancora ricordo la città d’estate da bambina. La Fiat chiudeva e con lei tutti i negozi. E la città si svuotava. In famiglia, invece, preferivamo fare le vacanze in altri periodi e così si restava in città anche ad agosto e cercavamo di goderci quello che potevamo della nostra Torino. Ma era davvero poco e devo dire un po’ di ansia me la creavano quelle giornate in città. Soprattutto perché proprio in questi giorni cade il mio compleanno, e mai è capitato di poter organizzare una festa con gli amichetti… loro erano al mare!

Da allora ho mantenuto l’idea delle vacanze alternative, ma ora riesco a gustarmi la città. Mi piace lavorare quando non c’è nessuno, il lavoro è tranquillo e l’ansia lontana. Mi piace aggirarmi in bicicletta per le strade semi-deserte. E quasi non mi pesa dover cercare con il lanternino un ristorante dove festeggiare il mio compleanno! Così ho deciso di chiedere alle nostre blogger delle Strade di Torino i loro migliori consigli su come trascorrere Ferragosto in città e non farsi vincere dal caldo e dalla noia.

Maria Chiara

Immagina la città vuota, il caldo imperante ed i negozi chiusi. Una Torino a riposo, dalle strade vuote e dal cielo colorato d’estate. Il mio ferragosto lo trascorrerei facendo quelle cose che non riuscirei a realizzare durante i week end sabaudi. E quindi perché non concedersi un po’ di relax pur restando in clima urbano? Provare una delle QC Terme experience sarebbe la cosa che farei per il mio ferragosto tutto Torinese. Non resterebbe che lasciarsi andare alle esperienze sensoriali ed ai massaggi. Mi abbandonerei alle coccole termali e mi vizierei di una cena al ristorante gourmet. Ferragosto va pur sempre festeggiato, anche se si è  bloccati in una metropoli, non è vero?

Valentina

Se dovessi rimanere a Torino durante ferragosto inizialmente potrei dirvi di esserne piuttosto incavolata. In uno di quei giorni in cui solitamente ci si gode a pieno dell’estate e la compagnia degli amici ci si ritrova in città con 30 gradi all’ombra e per di più anche da soli. Potrebbe però non essere così terribile come si crede. Prendetevi il vostro tempo. Impiegatelo in un’attività che rimandate ormai da troppo, ma soprattutto godetevi la calma di una giornata vissuta senza alcun motivo per correre. Io ne approfitterei per cucinare provando ricette nuove, quelle che solitamente rimando perché troppo lunghe e complicate, e poi riunirei chi è rimasto in città per condividerle. Se non avete amici passate ai vicini di casa, non fate i timidi. Oppure improvviserei uno shooting fotografico per la città vuota. Ho sempre sognato di scattare una foto seduta in mezzo ad una strada semi deserta. Spettrale e intrigante allo stesso tempo! Buon ferragosto… gli ingredienti per la Pastiera Napoletana mi aspettano!

Arianna

Passare il giorno di ferragosto in città non deve essere facile, ma non siete soli: anche se la città si svuota, per chi rimane Torino offre comunque qualche alternativa valida per non passare la giornata a desiderare di stare altrove! Per chi ama l’aria aperta e non teme il caldo (tempo permettendo), L’Orto Botanico di Torino rimarrà aperto durante la giornata del 15 agosto dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Il costo dell’ingresso è di 1€ e comprende la visita guidata. Per chi invece ha l’Abbonamento Musei o è socio dell’Associazione Amici dell’Orto Botanico l’ingresso è gratuito! Per chi invece preferisce rimanere piantato davanti al ventilatore, il mio consiglio è di coltivare un hobby che non riuscite a seguire il resto dell’anno. Ad esempio, se c’è una cosa che amo fare quando proprio non mi va di uscire è prendere una vecchia rivista, tagliuzzare tutto e fare un collage buffo. Provateci, il risultato potrebbe sorprendervi!

Monica

Come dicevo ferragosto a Torino non mi pesa, nè ho particolari tradizioni. Sicuramente lo inizierei con una bella corsa alla Pellerina, quando ancora è presto e le grigliate non sono iniziate. Pantaloncini, maglietta e via lungo il fiume per assaporare il meglio di questo meraviglioso parco… Dopodichè passerei probabilmente la giornata a rilassarmi in casa: un po’ di coccole a Dumas e qualche lettura. Sicuramente mi metterei a cucinare. Una cosa che ho sempre sognato di fare e che non ho mai fatto, ma che sono sicura che prima o poi farò, è improvvisare una cena in una piazza, magari piazza Carlina, la mia preferita. Comprare una buona bottiglia di vino, cucinare tante verdurine e un dolce sfizioso; comprare due formaggi di capra e del pane nero. Una tovaglia a quadretti, una candela, due calici e un tavolino pieghevole. E gustarmi la miglior cena della mia estate in mezzo a una piazza, come se fossi una turista particolarmente esigente…  

E voi, come e dove lo passate Ferragosto quest’anno?