Skip to content

Le strade di Torino


San Salvario Emporium: quella volta al mese che vorresti fosse tutti i giorni

San Salvario Emporium: quella volta al mese che vorresti fosse tutti i giorni

La domenica in piazza Madama Cristina, quando San Salvario Emporium apre le sue porte alla città, è diventata ormai il mio appuntamento fisso.
Abbandono il parco per sgattaiolare tra i banchi dei tanti artigiani che espongono le loro creazioni in questo mercato cittadino, raccolgo bigliettini da visita e scopro novità e bellezze sempre diverse.

Maria Chiara


San Salvario Emporium
domenica 2 settembre 2018, dalle 11:00 alle 20:00
Piazza Madama Cristina, Torino

San Salvario non dorme mai

Questa che vi racconto è la Torino di San Salvario, della multienticità, degli studenti squattrinati e delle botteghe artigiane. La Torino dei locali notturni e dei vinili, dello street food e del fermento più vero.
Questa è la Torino in cui nasce e vive per un giorno al mese il San Salvario Emporium, da quando, nel 2013 Alessandro Maioglio e Giorgio Savini hanno deciso di restituire alla piazza il suo compito più nobile: quello di fulcro aggregativo e punto di scambio di empatie.
Erika, Noemi e Mario si sono poi uniti all’organizzazione ed il San Salvario emporium è diventato realtà, quasi abitudine per i più affezionati che di questo mercato hanno fatto un vero e proprio ritrovo del week end.

L’etica dello shopping

Al San Salvario Emporim si scambiano idee e si raccontano storie.
Le realtà interessantissime dei 100 artigiani, tutti diversi, si ritrovano a condividere non solo un luogo ma anche e soprattutto la passione di svariati curiosi per lo slow fashion e le cose autentiche.
L’idea è quella di far eco ai mercati di Berlino e Londra ma con i sapori, la qualità ed i colori che l’Italia che più ci piace sa regalarci. Autoproduzione, artigianalità e comunicazione i tratti salienti di ogni edizione. Moda, accessori, complementi di arredo e di design si mescolano al buon cibo ed alla buona musica ed è immediatamente festa.
Fare shopping diventa un modo di vivere il centro e di conoscersi, di scoprire che lì, proprio dietro casa, qualcuno vende dell’ottimo pane o produce delle bellissime scarpine in pelle. O che, da qualche parte in Italia, esiste un artigiano che crea lo zaino che volevi o il gioiello che cercavi da tempo. Ed è così che anche acquistare una t-shirt ingloba in sé l’interazione umana e crea delle dinamiche di fiducia che solo lo shopping consapevole sa dare.
I produttori arrivano da tutta Italia ed hanno come comun denominatore la qualità elevatissima e l’autoproduzione dalle quali i 5 organizzatori non possono prescindere.

La scuola è finita, tutti in piazza!

Quella di giugno è, da sempre, un’edizione speciale: l’estate alle porte ed il rumore del mare in lontananza, una birra in più al tramonto e la voglia di salutarsi prima di una pausa vacanze.
Al San Salvario Emporium d’estate niente gavettoni di fine anno ma bikini handmade, occhiali da sole vintage ed accessori da sfoggiare con orgoglio in riva al mare.
Io, da affezionatissima, non perderò neppure questa edizione.
Scommetto che, anche questa volta, tornerò a casa con qualche bustina di troppo ed una lista lunghissima di giovani brand tutti da recensire, proprio come è successo con Euphoria o con La Marchigiana di Daniela.

Ci vediamo lì?


All images © 2018 Luca Iovino