Skip to content

Le strade di Torino


Viet Caffè: leggere e sorseggiare caffeina dove il Mekong incontra il Po

Viet Caffè: leggere e sorseggiare caffeina dove il Mekong incontra il Po

Fra i posti perfetti dove leggere a Torino, lontano dalla gente pazza – perchè l’autunno non fa bene a tutti – vi segnalo, con una stella gialla sul cuore, il Viet Caffè. (Adorabile, ma non parlatene troppo in giro)

Laura


Viet Caffè

Via Federico Campana 24, Torino

+39 366 220 4576
caffeminhtienvn@gmail.com

Facebook | Instagram 

Aperto Ven-Dom 10-22

Andare…

..perché chi soffre di “viaggite acuta” (#wanderlust) avrà la sensazione di essere per un po’ in Indocina.
..perché accettare la sfida con il buonissimo e fortissimo caffè alla vietnamita vi renderà migliori.
..perché anche la versione invernale del locale merita.  Le cose belle in fondo, bisogna saperle aspettare!


Dopo aver conquistato fiumi maschi e colline indomabili, ho deciso di fermarmi un attimo. Settembre ha lasciato come sempre il segno: è un mese che stanca, enfatizza, colora (gli alberi), scolora (la pelle). E’ il periodo delle Grandi Grandissime Attese. Inoltre sta per arrivare l’autunno. Fra poco Torino sarà pazzescamente romantica: rossa, gialla, hardcore, poetica. Torneremo al cioccolato preso a morsi, al vino rosso, alle liste di cosa fare. Bellezza & ansia. Le torinesi torneranno al total black (ammesso che abbiano mai osato lasciarlo).

La nebbia a Torino non tornerà, perchè ormai non esiste quasi più. Nulla che copra più quella valanga travolgente di impegni, routine e aspettative che rendono l’autunno tanto complicato. Per allora avremo bisogno di trovare un rifugio speciale. Io, camminando per Sansalvario, l’ho trovato. Si chiama Viet Caffè. Sottotitolo: un delizioso posto dove leggere e mangiucchiare, barattando il Mekong col Po.

La mia piccola giungla vietnamita a Torino

Caratteristiche geografiche di questo piccolo bar, gestito da un gruppo di gentilissimi ragazzi vietnamiti: pace, segretezza, personale originale e calore all’ingresso. A volte comunicare non sarà semplice, ma questo non vi spaventi: il menù è in italiano e potete sempre indicare o mimare cosa volete. Io per esempio ho mimato un involtino primavera.

Superate un cancello di ferro e supererete il confine con l’Indocina torinese. Vi accoglierà una ragazza del luogo – luogo Vietnam, non luogo Torino – e in qualche modo riuscirete a sottoscrivere la tessera associativa (5 euro). Entrate con il giornale sotto braccio, le carte da briscola, il romanzo dell’anno, i capelli spettinati, stretti in avvolgenti maglioni o nascosti dietro a occhiali da sole giganti che celano le ombre dei cocktail del venerdì. Sedetevi a rilassarvi fra alberi trafitti dalla luce e bandiere rosse con la stella gialla. Durante la bella stagione troverete pochi tavolini all’aperto, raccolti in un incantevole giardino alle spalle del mitologico Consolato del Vietnam. E – nella versione invernale, inaugurata il 7 ottobre con una festa all’aperto – un piccolo accogliente spazio nella biblioteca interna. Nessun colonnello Kurtz all’orizzonte, ma una piccola giungla vietnamita nel ventre di Torino.

Il nerissimo caffè alla vietnamita e i deliziosi spring rolls

Scegliete se sedervi in fondo, attorno all’ambito tavolo-misterioso-nascosto- fra-le-fronde o dare un’occhiata al banchetto dei libri. Quello di cucina vi insegnerà a fare dei meravigliosi spring rolls alla vietnamita, sareste dei pazzi a non averlo. Troverete poca gente, tutta educata e zen. Perchè chi va al Viet non cerca rogne. Ha la pace nel cuore e tanta voglia di relax.

Scoprirete che qui l’unica battaglia da combattere è quella con il vostro senso per la moka. Qui il caffè è denso, nerissimo, nella variante classica è un colpo al cuore dei caffeinomani medi. Io, che senza zucchero e latte manco lo ordino, lo assaggio comunque. E’ una spremuta amara e un viaggio spazio-tempo: un sorso e sono già sul Mekong. Per cedere alla versione con latte condensato o con il cocco ci vuole più intraprendenza. Ma il sandwich con erbette e carne arrosto di maiale vale il viaggio. E chi ha il cuore veggie può sperare che sia giorno di involtini alle verdure o ordinare una limonata e un’omelette.

Al di là dell’offerta gastronomica – che comprende bevande locali, piccoli snack e uno sforzo di pazienza per l’adorabile lentezza del servizio – il Viet Caffè regala soprattutto la meravigliosa sensazione di essere altrove, per poi tornare dentro Torino con quel misto di amore per la città e nostalgia per i posti lontani. Per una volta, più vicini di quanto si possa immaginare.


All images © 2018 Arianna Cristiano